AGGRESSIONI A MEDICI E INFERMIERI

I recenti episodi di aggressione ai Medici di Continuità assistenziale, ma anche a Medici di base e Infermieri, dimostrano l'urgenza di riorganizzare l'attività di questi professionisti affinché non si trovino a lavorare soli ed isolati con neppure la possibilità di chiedere aiuto in caso di bisogno. Come non dare solidarietà a chi opera veramente in prima linea a contatto con soggetti che, con frequenza impressionante, presentano disturbi psichiatrici non identificati. Anche la maleducazione e pretese irragionevoli sono sempre più frequenti.

Pertanto è indispensabile attivare velocemente e con decisione le aggregazioni di Medici affinché operino in gruppo. Perciò le Case della comunità devono essere aperte immediatamente almeno laddove esistono locali immediatamente disponibili.

Per quanto riguarda Cividale, questo è possibile senza attendere la costruzione di un nuovo edificio. Da tempo chiedo con insistenza di spostare l'ambulatorio del Medico di Continuità assistenziale, attualmente collocato al terzo piano del presidio sanitario. A maggiore ragione ora che viene aperto il Punto di Primo Intervento in locali che presentano aree dismesse ma utilizzabili a tale scopo, dando la possibilità di una opportuna contiguità.

Mi auguro che, finalmente, la mia richiesta venga accolta. Non vorrei che a seguito del tergiversare dell'ASU FC l'incolumità del personale fosse messa in serio pericolo, con esiti non prevedibili e che l'Azienda dovesse successivamente rispondere di questa trascuratezza.




NEWSLETTER

Resta sempre aggiornato e iscriviti alla newsletter.

Abbiamo a cuore la tua privacy

Utilizziamo i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalitÓ indicate nella pagina privacy policy. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante ''Personalizza'' sempre raggiungibili anche attraverso la nostra cookies info. Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su ''Accetta e chiudi'' o rifiutarne l'uso facendo click su ''Continua senza accettare''